gennaio 2018
EDERA
foto

In questo quadro di Tranquillo Cremona dal titolo "Edera" del 1878, l'edera simboleggia la passione morbosa che spinge gli amati ad avvolgersi l'uno all'altra come fa la pianta di edera, che si ramifica e si espande fino a ricoprire e soffocare completamente i muri e le facciate della case.


foto

In India l'edera è considerata il simbolo della concupiscenza.
L'edera è una pianta rampicante che si aggrappa con la sola forza delle sue foglie al muro. Le sue radici sono aeree e quindi la rendono autoportante. L'edera rampicante è in grado di scalare qualsiasi graticcio, recinzione o muro, ricoprendolo interamente.
Si può trovare anche a ridosso di ruderi, su alberi ma anche nei sottoboschi ombrosi. Può crescere sia strisciante che abbarbicata.
L’edera, hedera helix, ha un' origine europea, delle isole Canarie. Il nome edera helix deriva dalla parola latina helix che significa prendere o aggrapparsi, parola che deriva a sua volta dal termine greco antico helissein che significa appunto arrampicarsi.

Esistono moltissime varietà di edere e si differenziano tra di loro per la forma delle foglie, che possono essere: stellate, palmate, romboidali con variegature ai margini e sulle nervature, e per il loro colore che può essere: verde di diverse tonalità, giallo, dorato, bianco, color crema, grigio ecc.

Una caratteristica dell'edera è che la prima fioritura avviene a circa 10 anni di età. I fiori sono riuniti in piccoli gruppi che formano degli ombrellini di colore giallo verdognolo, dai quali si sviluppano, in ultimo, i frutti ovvero le caratteristiche bacche di colore nero-blu. Gli uccelli se ne cibano abbondantemente nei periodi invernali mentre per l'uomo contengono una saponina che irrita le pareti gastriche. Per le api i frutti dell'edera sono molto importanti perché è l'ultima pianta a fiorire prima dell'inverno, fiorendo a settembre-ottobre. Questo miele è di difficile estrazione per la cristallizzazione rapida, spesso già nei favi dentro l'arnia, per cui spesso si lascia come ultimo rifornimento per le scorte invernali dell'alveare. Inoltre il miele, per il periodo autunnale, tende ad avere troppa umidità.

E' una pianta che cresce vigorosa e rigogliosa, è sempreverde ed oltre ad essere molto rustica è anche resistente al freddo.
Fino a qualche decennio fa si usava appendere frasche d'edera sull'uscio delle cantine per segnalare la mescita del vino. Questa usanza ha origine dall'antica leggenda dove un giovane di nome Cisso, il quale si esibiva nelle feste in onore di Bacco con salti ed acrobazie spericolate, ebbe un giorno un grave incidente. Il divino Bacco, che si era affezionato al giovane, per impedirne la morte lo trasformò in una pianta, l’edera, capace di arrampicarsi su qualsiasi superficie. Dall’antica leggenda nacque l’abitudine di raffigurare Bacco (chiamato dai greci Dioniso), con una corona d’edera sul capo e con il calice avvolto dai rami di edera.
Essendo, quindi, la pianta sacra a Bacco tra i greci e poi tra i latini si diffuse la convinzione che circondare la fronte con una corona di edera prevenisse gli effetti dovuti alle intossicazioni da eccesso di vino.

Invece nella mitologia celtica l’edera era connessa al culto del serpente e del drago, che rappresentavano simboli dell’aldilà.
Nei paesi dell'Europa centrale e meridionale, vi era la credenza di legare l'edera nei periodi natalizi assieme all'agrifoglio per adornare l'uscio delle case e i camini per tenere lontani i folletti che durante tale periodo amavano fare scherzi.
Nell’antica Grecia questa pianta simboleggiava l’unione e la fedeltà, infatti corone di foglie di edera erano adoperate per incoronare la testa degli sposi il giorno delle nozze.

Negli ultimi decenni sembra che si sia scoperto che l’edera helix ha la capacità di rimuovere dall’aria, soprattutto in ambienti chiusi, le sostanze nocive, in particolare la formaldeide che viene automaticamente prodotta dagli oggetti elettrici di uso comune nelle abitazioni.


L'EDERA

A piè delle mia croce, in cimitero,
vo' che ci nasca l'Edera amorosa;
non la bruna viola del pensiero,
non il candido giglio, né la rosa,
chè l'affetto dei fiori è passeggero.
Ma l'Edera s'attacca, ove si posa.
Cresce, e co' rami suoi cinge e s'attiene
a quel che la protegge e la sostiene
e seco ognor soavemente unita,
vive con lui della sua stessa vita.
Amando vive l'Edera gentile,
e a farsi bella non aspetta aprile.
M'è cara sempre l'Edera modesta
che alle offese del gel resiste e dura,
o di un albero antico il tronco vesta
giovane e fresca con la sua verzura;
stenda i suoi tralci, o li declini mesta
sulle rovine delle parie mura.
Per tutto dove l'edera si spande
porta la grazia delle sue ghirlande,
ora leggiadro simbolo d'affetto,
orna e rallegra il povero mio tetto
forse, tra poco, vereconda e pia
consolerà la sepoltura mia.

Marianna Giarré Billi (Firenze, 10 luglio 1835 – Firenze, 7 marzo 1906) poetessa italiana.


MARZO

Tutto è color di prato.
Anche l’edera è illusa,
la borraccina è più verde
sui vecchi tronchi immemori
che non hanno stagione.

Vincenzo Cardarelli


Le edere rigerminanti salivano
pel vecchio muro scrostato
con un impeto di giovinezza;
si attorcigliavano alle
travi della tettoia come a tronchi vivi;
coprivano i mattoni
vermigli d’una tenda
di piccole foglie cuoiose,
lucide, simili a laminette di smalto;
assaltavano le tegole
allegre di nidi.

Gabriele D’Annunzio


E le vedo lontane le mie parole.
Più che mie esse son tue.
Si arrampicano sul mio vecchio dolore come l’edera

Pablo Neruda



foto


fonti:
elicriso.it
wikipedia.org
guide.supereva.it
giardinaggio.it
aforisticamente.com
ilgiardinodeltempo.altervista.org

Anna Zacchetti

 
stampa articolo
Politica dei Cookie       -       Design & Animation: Filippo Vezzali - HTML & DB programming: Alain Franzoni