luglio 2018
LIBERATO: IL CANTANTE MISTERIOSO
E’ un cantante che racconta storie d’amore in dialetto, su basi dub (sottogenere della musica reggae sorto in Giamaica attorno alla seconda metà degli anni sessanta) ed elettroniche che sono quanto di più distante dalla tradizione melodica partenopea.

È supportato dal lavoro magistrale di Francesco Lettieri – regista di videoclip – che con il progetto Liberato ha raggiunto forse il suo picco artistico. I video di Tu t’e scurdat’ e me, Me staje appennen’ amò o Gaiola Portafortuna sono dei piccoli capolavori artistici che hanno di più in comune con l’arte degli short movie che con quella dei videoclip musicali.

Insomma chi sia non si sa, ha un grande successo in rete, ma quando si esibisce in pubblico lo fa con una felpa con la quale copre il capo ed il volto rendendosi irriconoscibile.


Molti si domandano: è una scelta di marketing? È un modo furbo che vuole imitare la scrittice Elena Ferrante anchessa coperta dall’anonimato? E uno dei tanti prodotti targati Napoli (vedi Gomorra) che interessano sempre il pubblico italiano e straniero? E’ un nuovo modo di esprimesi della cultura napoletana, un nuovo rinascimento napoletano?

No si sa, quello che si sa è il successo e l’interesse travolgente che si accompagnano al suo nome ed alle sue canzoni.
Se i titoli dei pezzi sono tutti in napoletano è perché tutti i pezzi di Liberato sono cantati in napoletano, a cui viene spesso mischiato l’inglese per ottenere risultati che sembrano perfetti per la condivisione social (“I love you piccerè”) tanto quanto per essere intonati da chi non è esattamente madrelingua.

Il modo in cui Liberato riesce ad offrire un ritratto di Napoli è tra i principali motivi del suo successo: la città diventa la protagonista pur essendo solo citata di rimando (“Scennimm’ a Mergellin’”, “Guard ‘e fuoc’ abbasc’ Furcell”), pur servendo solo come cornice al racconto di una infinita e tormentata storia d’amore.
È la versione 2.0 della sceneggiata napoletana, ben vestita e fotografata, oltre che ben suonata e intonata coi versi della migliore tradizione melodica locale.


Tu T'e Scurdat' 'e Me

Scennimmo a Mergellin'
Nun ne parlamm' cchiù
'E cinche d''a matin'
It's me and you
'Na rosa 'e ciento spin'
Seje mise senz''e te
'Na bott' dint''o cor'
Tu t’hê scurdat' 'e me

In gir' a Mergellin'
Te port' addo' vuo' tu
'Nu miezz' pacchettin'
It's me and you
'Na rosa 'e ciento spin'
Si stongo senz''e te
Ca piogg' dint''o cor'
Tu t'hê scurdat' 'e me

Tu t'hê scurdat' 'e me
Tu t'hê scurdat'
Tu t'hê scurdat' 'e me

Care 'ngopp''o golf' 'na stella
Chiove 'ngopp'a Procida
E tu t'hê scurdat' 'e me
Guarda 'e fuoc' abbasc' a Furcell'
Chiove 'ngopp'a Nisida
E tu t'hê scurdat' 'e me
Chiure ll'uocchie par’ 'cchiu bell’
Chiove 'ngopp' a Procida
E tu t'hê scurdat' 'e me
Ce stanno e fuoc' abbasc' a Furcell'
Chiove 'ngopp' a Nisida
E tu t'hê scurdat' 'e me

Poi jamme a Marechiar'
Te port' addo' vuo' tu
Parlammo chianu chian'
It's me and you
'Na festa a Trentaremi
'O scur' è tutt' blu
Parlammo chianu chian'
It's me and you
Ballammo 'nfaccia 'o mar'
Te port' addo' vuo' tu
Parlammo chianu chian’
It's me and you
'Na festa a Trentaremi
'O scur' è tutt' blu
Parlammo chianu chian’
Tu t'hê scurdat' 'e me

Tu t'hê scurdat' 'e me
Tu t'hê scurdat'
Tu t'hê scurdat' 'e me

Care 'ngopp' 'o golf' 'na stella
Guarda 'e fuoc' abbasc' a Furcell’

Poi jamme a Marechiar'
Te port' addo' vuo' tu
Parlammo chianu chian’
It's me and you
'Na festa a Trentaremi
Mo 'o scur' è tutt' blu
Parlammo chianu chian'
It's me and you
Ballammo 'nfaccia 'o mare
Te port' addo' vuo' tu
Parlammo chianu chian’
It's me and you
'Na festa a Trentaremi
'O scur' è tutt' blu
Parlammo chianu chian'
Tu t'hê scurdat' 'e me

Ciento bomb'
Ma nun sent' 'a bott'
Je cu' tte ce so' rimast' asott'

Tu t'hê scurdat' 'e me
Tu t'hê scurdat'' 'e me
I love you peccere'
Tu t'hê scurdat' 'e me






Fonti:
youyube
esquire.com
angolotesti.it

Meloman

 
stampa articolo
Politica dei Cookie       -       Design & Animation: Filippo Vezzali - HTML & DB programming: Alain Franzoni