EMERGENZA FIUMI, UN CASO EMBLEMATICO: L’ENTELLA
Fiume Entella: un pericolo per la città
Gli ultimi e ben noti eventi atmosferici estremi hanno avuto drammatiche conseguenze in gran parte del paese. Tutti i media hanno raccontato ed analizzato i fatti.
Tutti sanno che esiste un urgente problema di dissesto idrogeologico e di manutenzione del suolo, aggravato dall’emergenza climatica.
E tutti sanno che è necessaria una serie di soluzioni urgenti.

Sarebbe imperdonabile non unirsi al coro: speriamo che questi disastri, in cui si sono contate troppe perdite di vite umane, conducano ad una seria presa di coscienza e soprattutto convincano gli amministratori sia statali che regionali e comunali a programmare attentamente ed a finanziare dei seri provvedimenti.

Guardandosi in giro, da tutto il paese arriva una grande quantità di allarmi locali, di segnalazioni di situazioni particolari critiche e prevedibili e purtroppo anche di catastrofi preannunciate.
Queste situazioni di allarme sono segnalate, talvolta da anni, da cittadini, da associazioni, ed anche da politici locali. Sono spesso convalidate e sostenute da esperti. Qualche volta fanno riferimento anche a buone pratiche del passato, che andrebbero forse riprese in considerazione con il dovuto aggiornamento tecnologico e di rispetto dell’ambiente.

Vi proponiamo qui di seguito una lettera del presidente di una vasta e influente associazione di pescatori dilettanti del levante ligure: Umberto Righi della Fi.Ma.
Questo documento non fa riferimento a questioni relative alla pesca.
Si fa invece carico con passione della difesa del proprio territorio, di trovare rimedi alle ripetute esondazioni del fiume Entella che provocano danni ingenti e ricorrenti alla bella città di Chiavari ed alle vicine Lavagna e Cogorno.


[img1ce]




Per approfondire:

Società Pescasportiva Fi.Ma.Chiavari (CONI-FIPSAS)

Ispra Ambiente: Dissesto idrogeologico in italia pericolosita e indicatori di rischio edizione 2018

Ambienteinliguria.it: Piani di bacino

Progetto Coast Best: Trattamento e riutilizzo dei sedimenti di dragaggio
Umberto Righi - Enrico Tranchina