SETTORE DEI CEREALI IN FIBRILLAZIONE: FOCUS DI VENETO AGRICOLTURA
Forti preoccupazioni tra i produttori veneti alla vigilia della raccolta dei cereali autunno-vernini dovute alle tensioni sui mercati internazionali per la guerra in Ucraina. In aumento le superfici investite a frumento tenero (+5%/+10%), frumento duro e soia (+5%). Rese in calo a causa della siccità dei mesi scorsi (frumento -10%/-20%). Prezzi in aumento (mais +35%, frumento +25%, soia +15% rispetto allo scorso mese di gennaio). Caner: necessari strumenti di sostegno al reddito degli agricoltori.

La guerra in Ucraina, granaio d’Europa, sta provocando gravi tensioni a livello mondiale anche in agricoltura e in particolare nel settore dei cereali. Nei prossimi mesi si prevedono infatti forti carenze di prodotto e ulteriori incrementi dei prezzi. Scenari a tinte fosche, dunque, che preoccupano anche i produttori veneti alla vigilia della raccolta dei cereali autunno-vernini. In questo quadro poco rassicurante ci si mettono pure le bizzarrie climatiche visto che, a causa delle scarse precipitazioni primaverili, il mais ha subito dei ritardi nelle tradizionali epoche di semina e addirittura in alcune zone, per esempio del Veneto orientale, non è ancora stata seminata la soia di primo raccolto. Come non bastasse, il difficile momento ha determinato anche un sensibile incrementato dei costi di produzione.

"Vista la complessa situazione internazionale – sottolinea al riguardo l’assessore regionale all’Agricoltura, Federico Caner - alcuni fenomeni speculativi in atto e le inevitabili ricadute a livello economico che hanno fatto aumentare da un lato il costo delle materie prime e dall’altro quello del carburante, stiamo lavorando in Commissione Politiche Agricole affinché il Governo intervenga con aiuti mirati per le aziende agricole fortemente colpite dal rincaro dei prezzi per l’acquisto di concimi, sementi, prodotti fitosanitari e dall’aumento del gasolio agricolo. E' infatti necessario che vengano predisposti degli strumenti di sostegno al reddito che possano aiutare a superare il periodo di difficoltà”.

Per meglio comprendere l’attuale situazione del comparto cerealicolo regionale, Veneto Agricoltura ha realizzato un breve video-focus disponibile su YouTube: CLICCA QUI

In sintesi, secondo le indicazioni raccolte dagli esperti dell’Osservatorio Economico Agroalimentare dell’Agenzia regionale, relativamente alle intenzioni di semina, le scelte degli agricoltori veneti nel 2022 hanno privilegiato i cereali autunno-vernini. Infatti, le superfici coltivate a frumento tenero, dovrebbero riportarsi sopra i 100 mila ettari, con un incremento del +5/+10%.

In aumento di circa il 5% anche il frumento duro, i cui investimenti dovrebbero risalire a circa 15.000 ettari, mentre l’orzo viene stimato a circa 18.500 ettari (+3/5% rispetto all’annata 2020/2021). In calo invece le superfici coltivate a mais granella (-5/-10%), che dovrebbero scendere sotto i 140 mila ettari, mentre il mais ceroso dovrebbe attestarsi sui 30-35 mila ettari.

Al contrario, secondo le indicazioni degli imprenditori, quest’anno ci sarebbe una maggiore intenzione di investire nella soia, le cui superfici sono previste in crescita di circa il 5% e dovrebbero riportarsi tra i 145-150 mila ettari. Sono stimati in leggero aumento anche gli ettari seminati a girasole, che dovrebbero attestarsi sui 4.000 ettari, mentre la colza, dopo il record raggiunto nella scorsa annata, dovrebbe aver perso circa il 5% delle superfici, scese a circa 4.000 ettari.

Per quanto riguarda le rese dei cereali, i cui raccolti nel Veneto inizieranno a breve, purtroppo il prolungato periodo siccitoso invernale ha causato rilevanti problemi alle colture nelle fasi di levata e botticella. In primavere le piante hanno recuperato, ma le elevate temperature di maggio, accompagnate da scarse precipitazioni, hanno generato degli ulteriori stress idrici incidendo negativamente sulle rese.

Il frumento tenero e duro sono le colture che hanno sofferto di più, tanto che si prevede una riduzione della produzione del -10/-20%. In calo anche le rese stimate per orzo e colza, ma con riduzioni meno rilevanti comprese tra il -5/-10%. Per quanto riguarda le colture primaverili (mais e soia in particolare), è ancora prematuro avanzare qualsiasi ipotesi, molto dipenderà dalle precipitazioni e dalle temperature dei mesi estivi.

Infine, i prezzi. Il trend dei listini era già in crescita a partire dal mese di luglio 2021, come conseguenza delle tensioni che, a causa della pandemia, hanno interessato il mercato internazionale delle commodities. Tensioni che con la guerra si sono ulteriormente acuite, facendo saltare gli equilibri di mercato. Di conseguenza, i prezzi del mais quotato alla borsa merci di Bologna hanno toccato i valori massimi di oltre 400 euro/t nel mese di marzo; attualmente si sono attestati a circa 380 euro/t, circa 100 euro/t in più rispetto alle quotazioni di gennaio (+35% circa).

Anche se meno rilevante in termini percentuali, risultano in crescita anche i prezzi del frumento tenero, i cui listini, dopo una prima impennata a marzo, hanno toccato i valori massimi a fine maggio con circa 400 euro/t, mentre oggi si attestano attorno ai 390 euro/t, +25% rispetto ad inizio 2022. I prezzi della soia hanno avuto un trend di crescita più graduale, visto che dopo aver sfiorato i 700 euro/t, sono scesi attorno agli attuali 660 euro/t, +15% rispetto al mese di gennaio.




Riceviamo e volentieri pubblichiamo.
Renzo Michieletto Veneto Agricoltura - Ufficio Stampa