VITTI 'NA CROZZA
Girovagavo in internet alla ricerca di qualcosa di interessante da proporvi, quando su facebook mi sono imbattuto in questo post di Sara Favaro’ che mi ha offerto una chiave di lettura completamente diversa su uno dei più noti canti della tradizione siciliana.
Confesso che ho sempre pensato che la canzone si riferisse alla guerra, vista la citazione di un “cannone”; quanto sotto ho riportato dà alla canzone un sapore ancora più intenso ed intrigante.

"Qual è la vera storia di" Vitti ‘na crozza", una tra le più celebri canzoni della tradizione siciliana?
Non è una canzone allegra. Tutt'altro.

Il vero significato delle parole ci riporta al mondo delle zolfare, fatto di faticosissimo lavoro e di sofferenza. Una canzone che ci ricorda la sofferenza e anche l’ingiustizia di chi passava la maggior parte della propria vita nelle miniere di zolfo della vecchia Sicilia e se aveva la sventura di morire tra le viscere della terra lì restava, sepolto senza nemmeno “un toccu ‘ri campane”.

Protagonista della canzone è ’na crozza, ossia un teschio. Un teschio che, attraverso il suo racconto, si fa promotore di una forte denuncia sociale, rivolta principalmente contro determinate usanze della Chiesa cattolica di un tempo. La maggior parte delle persone ha sempre ritenuto che il famoso ‘cannuni’ dove si trova il teschio, protagonista della canzone, fosse il pezzo di artiglieria cilindrico utilizzato per fini bellici, e che la canzone si riferisca ad un evento di guerra. Ma così non è; Il "cannuni" altro non era che il boccaporto delle miniere.

Il testo ripercorre l’ostracismo perpetrato dalla Chiesa, incredibilmente cessato solo verso il 1940, nei confronti dei minatori morti nelle solfatare. I loro resti mortali non solo spesso rimanevano sepolti per sempre nella oscurità perenne delle miniere, ma per loro erano precluse onoranze funebri e perfino, insiste la voce del teschio, un semplice rintocco di campana, perché zolfo e sottosuolo erano simboli e dimora del demonio.

La voce del teschio implora che qualcuno riservi anche a lui questa pietas, affinché una degna sepoltura, accompagnata da un’onoranza funebre che lo possa degnamente accompagnare nell’aldilà sia in grado di riscattare i suoi peccati e garantirgli una pace eterna dopo un’esistenza di stenti, contrassegnata da un lavoro massacrante in un’oscurità permanente".


Tratto dal libro libro “LA MESSA NEGATA STORIA DI VITTI 'NA CROZZA” di Sara Favarò, ed. Quanat
[img1ce]

Vitti ‘na crozza nella interpretazione di Franco Battiato.
[youtube1]
Sara Favarò: Scrittrice sensibile ai temi sociali, di cui tratta nei suoi testi di narrativa e poetica. Studiosa di tradizioni popolari, nei suoi tanti saggi, documenta usi e costumi della Sicilia e tenta di dimostrare l'esistenza di un’ Isola lontana da abusati stereotipi, attraverso le sue canzoni e i suoi spettacoli teatrali. Si occupa anche di letteratura per l’infanzia ed è autrice di albi illustrati e racconti brevi.



Fonti:
Sarafavaro.it.
youtube,
Sara Favarò - facebook.,
Meloman